mercoledì 4 febbraio 2015

Andare in vacanza? Fa bene alla salute


Andare in vacanza per ricaricare le pile e stare meglio? Non è solo un modo di dire o una sensazione ma scienza. Vedere il Grand Canyon, emozionarsi di fronte alla volta della Cappella Sistina o anche ascoltare capolavori della musica come l' 'Ave Maria' di Schubert può fare bene alla salute, migliorando le difese dell'organismo. Bellezza e stupore, ricavabili dalla musica, dall'arte o ad esempio da luoghi scoperti durante una vacanza, in cui recuperiamo il contatto con la natura o la spiritualità, fanno bene al sistema immunitario, perché abbassano il livello delle citochine, che segnalano la presenza di un'infiammazione e quindi lo spingono a lavorare più duramente.
È quanto emerge da una ricerca della University of California di Berkeley, pubblicata sulla rivista Emotion. In due esperimenti separati, a 200 giovani adulti e« stato chiesto in un determinato giorno quali fossero state le loro esperienze e soprattutto le emozioni associate: e' stato poi prelevato un campione di liquidi della mucosa orale da cui e' emerso che coloro che avevano vissuto più emozioni positive, in particolare stupore e meraviglia, avevano anche i livelli più bassi di citochine, in particolare di interleuchina 6 , un marker delle infiammazioni.
«I risultati dimostrano che le emozioni positive sono associate a marcatori della buona salute» spiega Jennifer Stellar , autrice principale dello studio. «La soggezione di fronte al bello, lo stupore, la meraviglia promuovono livelli salutari di citochine e cio' suggerisce che le cose che facciamo per vivere queste emozioni - passeggiare nella natura , perderci nella musica , contemplare l'arte - hanno un'influenza diretta sulla salute e la speranza di vita» spiega lo psicologo Dacher Keltner , co-autore dello studio.

Nessun commento:

Posta un commento